Jack Vance: Le case di Iszm

Здесь есть возможность читать онлайн «Jack Vance: Le case di Iszm» весь текст электронной книги совершенно бесплатно (целиком полную версию). В некоторых случаях присутствует краткое содержание. Город: Milano, год выпуска: 1965, категория: Фантастика и фэнтези / на итальянском языке. Описание произведения, (предисловие) а так же отзывы посетителей доступны на портале. Библиотека «Либ Кат» — LibCat.ru создана для любителей полистать хорошую книжку и предлагает широкий выбор жанров:

любовные романы фантастика и фэнтези приключения детективы и триллеры эротика документальные научные юмористические анекдоты о бизнесе проза детские сказки о религиии новинки православные старинные про компьютеры программирование на английском домоводство поэзия

Выбрав категорию по душе Вы сможете найти действительно стоящие книги и насладиться погружением в мир воображения, прочувствовать переживания героев или узнать для себя что-то новое, совершить внутреннее открытие. Подробная информация для ознакомления по текущему запросу представлена ниже:

Jack Vance Le case di Iszm
  • Название:
    Le case di Iszm
  • Автор:
  • Издательство:
    Mondadori
  • Жанр:
    Фантастика и фэнтези / на итальянском языке
  • Год:
    1965
  • Город:
    Milano
  • Язык:
    Итальянский
  • Рейтинг книги:
    3 / 5
  • Избранное:
    Добавить книгу в избранное
  • Ваша оценка:
    • 60
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5

Le case di Iszm: краткое содержание, описание и аннотация

Предлагаем к чтению аннотацию, описание, краткое содержание или предисловие (зависит от того, что написал сам автор книги «Le case di Iszm»). Если вы не нашли необходимую информацию о книге — напишите в комментариях, мы постараемся отыскать её.

Che cosa darebbero gli architetti, gli urbanisti, i pianificatori, gli uomini politici per avere una delle case che si seminano, che nascono e crescono come una pianta qualsiasi? E chi avesse in esclusione i semi di una simile pianta, quale gigantesca speculazione edilizia potrebbe organizzare? Su questo tema così attuale per noi, Jack Vance ha costruito un piacevole e movimentato romanzo, in cui le straordinarie case di Iszm sono oggetto di una guerra segreta fra i desperados di mezza galassia.

Jack Vance: другие книги автора


Кто написал Le case di Iszm? Узнайте фамилию, как зовут автора книги и список всех его произведений по сериям.

Le case di Iszm — читать онлайн бесплатно полную книгу (весь текст) целиком

Ниже представлен текст книги, разбитый по страницам. Система сохранения места последней прочитанной страницы, позволяет с удобством читать онлайн бесплатно книгу «Le case di Iszm», без необходимости каждый раз заново искать на чём Вы остановились. Поставьте закладку, и сможете в любой момент перейти на страницу, на которой закончили чтение.

Шрифт:

Интервал:

Закладка:

Сделать

Intanto, sul soffitto, era andata formandosi una bolla di liquido racchiusa entro una fragile membrana. Continuava a crescere, oscillando e vibrando, e a un dato momento il ragazzo accostò alla bolla una spina aguzza: la membrana scoppiò e su Farr ricadde una cascata di liquido aromatico, profumato di chiodi di garofano, che evaporò immediatamente. Quindi Farr passò nel quarto locale dove il servitore gli aveva preparato abiti puliti; quando si fu vestito gli appuntò alla gamba una rosetta nera. Conoscendo bene gli usi e i costumi degli Iszici, Farr non fu stupito di quel gesto. La rosetta, emblema personale di Zhde Patasz, racchiudeva in sé molti significati. Farr veniva insignito del titolo di ospite d’onore della casa di Zhde Patasz, il quale, in tal modo, lo prendeva automaticamente sotto la sua protezione e lo avrebbe difeso da qualsiasi nemico. Farr sarebbe stato libero di girare per la casa, e di comportarsi come se ne fosse il padrone; avrebbe potuto manipolarne le nervature, i riflessi, i pulsanti e i condotti, avrebbe potuto disporre a suo piacimento di tutti gli averi di Zhde Patasz, insomma avrebbe potuto considerarsi l’alter ego del padrone di casa. L’onore che gli era stato concesso era più unico che raro, e addirittura senza precedenti nei riguardi di un Terrestre. Farr non sapeva cosa avesse fatto per meritarsi tanto. Forse, Zhde Patasz voleva in tal modo ripagarlo del trattamento rude a cui l’avevano sottoposto finora. Sì, la spiegazione doveva essere questa: gli Iszici l’avevano malmenato durante l’incursione dei Thord, e Zhde Patasz voleva riparare al mal fatto con la sua cortesia. Farr si augurò che il suo ospite non si formalizzasse troppo per la sua ignoranza del galateo iszico.

Poco dopo ricomparve la donna che lo aveva accolto nell’atrio. Lo salutò con un’elaborata genuflessione. Ignorante com’era del cerimoniale, Farr non riuscì a capire se, come gli era parso, il gesto celasse un sottofondo ironico. Si riservò di giudicare in un secondo tempo. Si trattava di una burla? No, gli pareva impossibile, in quanto gli Iszici erano assolutamente privi di senso dell’umorismo.

— Aile Farr Sainh — salmodiò la donna — ora che vi siete rinfrescato, volete raggiungere il vostro ospite Zhde Patasz?

— Quando volete — rispose Farr con un sorriso.

— Allora permettetemi di farvi strada. Vi accompagnerò nei baccelli privati di Zhde Patasz Sainh, che vi attende con impazienza.

Farr la seguì lungo il corridoio, sino a una rampa in discesa, dove il ramo s’inclinava, e di qui, con un ascensore, salirono lungo il tronco principale. Sbucarono in un altro corridoio. Giunti davanti a una porta, la donna si fermò, fece un inchino, e allargando le braccia, disse: — Zhde Patasz Sainh vi attende.

La porta si aprì e Farr entrò nella stanza. Zhde Patasz non era lì, e lui avanzò con circospezione, guardandosi in giro. Il baccello era lungo una decina di metri e si apriva su una balconata intorno a cui correva un’alta balaustra. Le pareti e il soffitto a volta erano ricoperti da una sottile fibra verde intrecciata fittamente, il pavimento era di folto muschio color prugna, e dai muri uscivano bizzarre lampade. Contro una parete erano appoggiate quattro poltrone-baccello color magenta, e al centro del pavimento era posato un alto vaso cilindrico pieno d’acqua, di piante e di brune anguille guizzanti. Ai muri pendevano quadri di antichi maestri terrestri, che spiccavano in modo strano in quell’ambiente inusitato.

— Farr Sainh — salutò Zhde Patasz entrando dalla balconata — spero che vi sentiate bene.

— Abbastanza — rispose cauto Farr.

— Volete accomodarvi?

— Ai vostri ordini — disse, prendendo posto su uno dei fragili pericarpi color magenta, la cui morbida pelle si adattò subito alle curve del suo corpo.

Zhde Patasz sedette anche lui, e seguì un lungo silenzio durante il quale i due si esaminarono a vicenda Zhde Patasz ostentava le strisce azzurre della sua casta e aveva le guance pallide chiazzate da dischi rossi. Non si trattava certo di una decorazione priva di significato, perché Farr sapeva che tutte le esteriorità di cui si fregiavano gli Iszici avevano una loro precisa ragione. Quel giorno, Zhde Patasz non aveva berretto e i nodi e le increspature del suo cranio formavano quasi una cresta, emblema di millenni di discendenza aristocratica.

— Dunque, siete soddisfatto della vostra visita a Iszm? — domandò finalmente l’ospite.

Dopo aver pensato un momento, Farr decise di rispondere in modo formale: — Ho visto molte cose interessanti. Ma sono anche stato fatto oggetto di molestie, che spero non avranno conseguenze permanenti. — Si tastò il cranio, e proseguì: — La vostra ospitalità compensa i maltrattamenti che ho subito.

— È una notizia che mi addolora — commentò Zhde Patasz. — Chi vi ha maltrattato? Datemi i nomi, e farò in modo che siano affogati.

Farr confessò di ignorare i nomi degli Szecr che l’avevano fatto cadere nel vecchio tronco. — E poi — aggiunse — erano preoccupatissimi per l’incursione, e quindi perdonabili. Ma in seguito mi hanno drogato, e questo non lo ammetto.

— Avete ragione — rispose Zhde in tono blando — ma gli Szecr somministrano sempre un gas ipnotico ai Thord, e per uno stupido errore vi hanno rinchiuso nella stessa cella e sottoposto a quell’indegno trattamento. Sono certo che i responsabili sono in preda ai più profondi rimorsi.

— Hanno ignorato i miei diritti legali — protestò Farr indignato. — È stato violato il Trattato di ammissione!

— Spero che vorrete perdonarci — rispose Zhde Patasz. — Capirete anche voi che dobbiamo proteggere le nostre piantagioni.

— Io non avevo niente a che fare con quella scorreria!

— Sì, lo sappiamo.

— Immagino che mentre ero sotto l’effetto della droga mi abbiate estorto tutto ciò che so — fece l’altro con un sorriso amaro.

Zhde Patasz contrasse il filamento che divideva i settori degli occhi, facendo una smorfia che per gli Iszici era l’equivalente di un sorriso divertito.

— Per caso mi hanno informato della vostra disavventura.

— Disavventura? È stato un oltraggio!

Con un gesto conciliante, Zhde Patasz replicò: — Gli Szecr sono soliti sottoporre i Thord a trattamento ipnotico. Si tratta di una razza dotata di enormi capacità sia fisiche che psichiche, nonché di ben note deficienze morali, e proprio per ciò è stata ingaggiata per compiere la scorreria.

— Volete dire che i Thord non agivano per conto proprio? — domandò stupito Farr.

— Non credo. Si trattava di un piano e di un’organizzazione troppo precisi e accurati. I Thord sono una razza impaziente e, di conseguenza, non ci sembra possibile che abbiano organizzato la spedizione. Questo è il nostro parere e siamo ansiosi di scoprire i mandanti.

— Per questo mi avete esaminato sotto ipnosi, violando il Trattato di ammissione!

— Sono certo che le domande si riferivano solo a questioni attinenti la scorreria — rispose Zhde Patasz cercando di calmare Farr. — Forse gli Szecr sono stati troppo zelanti, ma dovete ammettere che si poteva sospettare di voi.

— No, non lo ammetto.

— No? — Zhde Patasz sembrava sorpreso. — Siete arrivato a Tjiere proprio il giorno dell’incursione, avete tentato di sfuggire alla vostra scorta sul molo… perdonatemi se elenco i vostri errori.

— Niente, niente, proseguite pure.

— Sotto l’arcata siete sfuggito di nuovo alla scorta, siete corso nel campo con l’apparente intenzione di partecipare alla scorreria.

— Non è affatto vero!

Читать дальше

Шрифт:

Интервал:

Закладка:

Сделать

Похожие книги на «Le case di Iszm»

Представляем Вашему вниманию похожие книги на «Le case di Iszm» списком для выбора. Мы отобрали схожую по названию и смыслу литературу в надежде предоставить читателям больше вариантов отыскать новые, интересные, ещё не прочитанные произведения.


Jack Vance: Lyonesse
Lyonesse
Jack Vance
Jack Vance: The Asutra
The Asutra
Jack Vance
Jack Vance: L'ultimo castello
L'ultimo castello
Jack Vance
Отзывы о книге «Le case di Iszm»

Обсуждение, отзывы о книге «Le case di Iszm» и просто собственные мнения читателей. Оставьте ваши комментарии, напишите, что Вы думаете о произведении, его смысле или главных героях. Укажите что конкретно понравилось, а что нет, и почему Вы так считаете.