Jack Vance: Le case di Iszm

Здесь есть возможность читать онлайн «Jack Vance: Le case di Iszm» весь текст электронной книги совершенно бесплатно (целиком полную версию). В некоторых случаях присутствует краткое содержание. Город: Milano, год выпуска: 1965, категория: Фантастика и фэнтези / на итальянском языке. Описание произведения, (предисловие) а так же отзывы посетителей доступны на портале. Библиотека «Либ Кат» — LibCat.ru создана для любителей полистать хорошую книжку и предлагает широкий выбор жанров:

любовные романы фантастика и фэнтези приключения детективы и триллеры эротика документальные научные юмористические анекдоты о бизнесе проза детские сказки о религиии новинки православные старинные про компьютеры программирование на английском домоводство поэзия

Выбрав категорию по душе Вы сможете найти действительно стоящие книги и насладиться погружением в мир воображения, прочувствовать переживания героев или узнать для себя что-то новое, совершить внутреннее открытие. Подробная информация для ознакомления по текущему запросу представлена ниже:

Jack Vance Le case di Iszm
  • Название:
    Le case di Iszm
  • Автор:
  • Издательство:
    Mondadori
  • Жанр:
    Фантастика и фэнтези / на итальянском языке
  • Год:
    1965
  • Город:
    Milano
  • Язык:
    Итальянский
  • Рейтинг книги:
    3 / 5
  • Избранное:
    Добавить книгу в избранное
  • Ваша оценка:
    • 60
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5

Le case di Iszm: краткое содержание, описание и аннотация

Предлагаем к чтению аннотацию, описание, краткое содержание или предисловие (зависит от того, что написал сам автор книги «Le case di Iszm»). Если вы не нашли необходимую информацию о книге — напишите в комментариях, мы постараемся отыскать её.

Che cosa darebbero gli architetti, gli urbanisti, i pianificatori, gli uomini politici per avere una delle case che si seminano, che nascono e crescono come una pianta qualsiasi? E chi avesse in esclusione i semi di una simile pianta, quale gigantesca speculazione edilizia potrebbe organizzare? Su questo tema così attuale per noi, Jack Vance ha costruito un piacevole e movimentato romanzo, in cui le straordinarie case di Iszm sono oggetto di una guerra segreta fra i desperados di mezza galassia.

Jack Vance: другие книги автора


Кто написал Le case di Iszm? Узнайте фамилию, как зовут автора книги и список всех его произведений по сериям.

Le case di Iszm — читать онлайн бесплатно полную книгу (весь текст) целиком

Ниже представлен текст книги, разбитый по страницам. Система сохранения места последней прочитанной страницы, позволяет с удобством читать онлайн бесплатно книгу «Le case di Iszm», без необходимости каждый раз заново искать на чём Вы остановились. Поставьте закладку, и сможете в любой момент перейти на страницу, на которой закончили чтение.

Шрифт:

Интервал:

Закладка:

Сделать

— Chi è là? — domandò Farr circospetto.

Nessuna risposta.

Farr ripeté la domanda in tutte le lingue e i dialetti che conosceva, sempre senza ottenere risposta. Cercò di mettersi a sedere, ma lo fece con fatica, non aveva luce né il mezzo per procurarsene. Il respiro divenne rumoroso, affaticato. Annaspando nel buio, Farr trovò un corpo accasciato e rattrappito. Inginocchiatosi a fatica, lo rivoltò, stendendolo sul dorso e raddrizzandogli braccia e gambe: il respiro si fece più regolare.

Farr si mise da parte e rimase in attesa. Passarono circa cinque minuti. Le pareti della galleria vibrarono al rombo di una lontana esplosione che si ripeté dopo un paio di minuti. Evidentemente la battaglia sotterranea era nel suo pieno svolgimento, pensò Farr. Vespa contro talpa, duello sotterraneo all’ultimo sangue.

A un nuovo colpo le pareti vibrarono talmente forte che Farr rimase intontito. Era stata un’esplosione più violenta delle altre, certo quella che aveva messo la parola fine alla lotta. L’uomo ansimò e tossì.

— Chi siete? — domandò ancor Farr.

Un fascio luminoso lo colpì in piena faccia, e Farr chiuse gli occhi voltando il viso. La luce seguì i suoi movimenti.

— Allontanate quel maledetto affare! — strillò Farr.

La luce si mosse su e giù sul suo corpo, soffermandosi sulla camiciola a rigoni. Al riflesso, Farr poté scorgere un uomo bruno, tutto coperto di escoriazioni e di ecchimosi. La luce proveniva da un fermaglio posto su una spalla della giubba.

L’uomo parlò con voce bassa e roca in una lingua sconosciuta, e Farr scosse la testa per dimostrare che non capiva. L’altro lo fissò a lungo, dubbioso, circospetto, poi, ignorando Farr, si alzò a fatica ed esaminò con cura minuziosa le pareti della cella. Sopra di loro, inaccessibile, c’era l’apertura dalla quale erano caduti e da un lato uno sfiatatoio coperto da un fitto groviglio di nodi. Farr era furibondo e irritato e il taglio alla testa gli faceva male. Non capiva perché lo sconosciuto se la prendesse tanto, dal momento che non c’era possibilità di fuga. Gli Szecr erano veri maestri, quando si trattava di tener prigioniero qualcuno.

Osservando meglio l’uomo bruno, Farr pensò che dovesse essere un Thord, cioè un appartenente alla razza più simile a quella umana delle tre razze arturiane. Sul conto di quella gente circolavano storie poco rassicuranti, e Farr non si sentiva molto a suo agio con quel compagno di prigionia… specialmente al buio.

Dopo aver completato lo studio delle pareti, il Thord riprese a esaminare Farr. Aveva occhi freddi, lucenti, profondi e gialli come topazi cabochon. Quando riprese a parlare, con la sua voce bassa e roca, disse: — Questa non è una vera prigione.

Farr rimase interdetto. Date le circostanze, s’era aspettato qualcosa di diverso. — Come sarebbe a dire?

Il Thord lo studiò attentamente prima di rispondere: — C’è stata una gran confusione. Gli Iszici ci hanno buttato qui per sicurezza, ma presto ci porteranno altrove. In questo luogo non ci sono spie né rivelatori. È un magazzino.

Farr esaminò dubbioso i muri, e quando sentì che il Thord borbottava qualcosa lo fissò stupito finché non si fu reso conto che l’altro stava ridacchiando divertito. — Vi stupite perché lo so — disse il Thord. — Io ho una speciale sensibilità per percepire il peso dell’attenzione.

Farr si limitò ad assentire educatamente. Cominciava ad avvertire il fastidio di essere osservato, e quindi si voltò. Il Thord emise uno strano suono prolungato, triste e monotono. Era un lamento? Una trenodia? La luce si attenuò ma il lugubre mormorio andò avanti ancora, finché Farr si sentì venir meno per la sonnolenza e si addormentò. Fu un sonno inquieto che non gli diede alcun riposo. Gli pareva di avere la testa in fiamme, e sentiva voci e imprecazioni. Forse era tornato sulla Terra, e stava insieme a qualcuno. A chi? A un amico? Farr si agitò farfugliando, cercando di svegliarsi. Le voci roche, i passi, le immagini inquiete a poco a poco svanirono e finalmente poté riposare tranquillo.

La luce entrava da una fessura ovale rivelando la sagoma di due Iszici. Svegliatosi, non si stupì molto nel constatare che il Thord era scomparso, perché il locale in cui si trovava era diverso dall’altro, certo non era più alla radice del vecchio albero contorto.

Si rizzò a sedere, ma aveva la vista annebbiata e gli riusciva difficile connettere le idee: aveva l’impressione che le sue facoltà mentali fossero come parti staccate fluttuanti nell’aria.

— Aile Farr Sainh — disse uno degli Iszici — possiamo darvi il disturbo di accompagnarci? — Avevano mostrine gialle e verdi: erano Szecr.

Farr si alzò barcollando e barcollando varcò la porta ovale, percorrendo un corridoio, preceduto e seguito da uno Szecr. Dopo un po’, il primo di essi fece scorrere un pannello, e Farr si ritrovò vicino all’arcata dove aveva sostato prima. Lo portarono all’aperto, sotto il cielo buio della notte tutto scintillante di stelle, e Farr notò il suo Sole pochi gradi sotto la stella Beta dell’Auriga. Quella vista non gli diede dolore né nostalgia. Non era più capace di provare emozioni, né di interessarsi a qualcosa. Si sentiva leggero, spensierato e felice.

Superate le rovine dell’albero-casa caduto, si avviarono verso la laguna. Davanti a un tronco si stendeva un morbido tappeto di muschio.

— La casa di Zhde Patasz Sainh — disse lo Szecr. — Siete suo ospite. Ha garantito per voi.

La porta scivolò su se stessa e Farr entrò nel tronco, con le gambe che gli si piegavano. La porta si richiuse alle sue spalle, e si ritrovò solo in mezzo a un alto atrio circolare. Dovette appoggiarsi al muro per reggersi, e solo con un notevole sforzo gli riuscì di concentrarsi.

Poco dopo arrivò una giovane Iszica a strisce bianche e nere fra le quali si vedeva la pelle chiara; aveva un turbante nero in testa. Una grossa linea nera sulla fronte accentuava la divisione orizzontale degli occhi.

— Farr Sainh — disse la donna — concedetemi la vostra compagnia.

Lo scortò verso un ascensore circolare che li portò a trenta metri d’altezza. La salita diede il capogiro a Farr.

— Di qui, Farr Sainh — disse la donna sfiorandolo con la mano fresca.

Farr fece un passo avanti, ma dovette fermarsi appoggiandosi al muro finché l’attacco di vertigini non fu passato.

La donna aspettava paziente. Quando a Farr si snebbiò la vista, l’uomo vide che si trovavano all’interno d’uno dei rami più grossi. La donna lo prese per mano.

— Mi hanno drogato — si lamentò Farr guardandola negli occhi chiari.

— Da questa parte, Farr Sainh — rispose lei, impassibile.

Gli fece strada per un corridoio sinuoso, e Farr la seguì lentamente, sentendosi man mano sempre più in forze.

La donna si fermò davanti a un uscio in fondo al ramo, si volse, e disse: — Questo è il vostro alloggio. Non vi mancherà niente. La dendrologia è un libro aperto per Zhde Patasz. I suoi vivai esaudiscono ogni desiderio. Entrate e godete della squisita casa di Zhde Patasz.

Farr entrò nel locale, che costituiva uno dei quattro compartimenti in cui era diviso il baccello. Era la stanza più complicata che avesse mai visto. Si trattava di una sala da pranzo. Dal pavimento spuntava un grosso picciolo che andava allargandosi per formare un tavolo sul quale era disposta una dozzina di vassoi carichi di vivande. La stanza attigua, tappezzata di fibre azzurre, era una camera da riposo, e accanto ce n’era un’altra il cui impiantito era coperto di nettare che arrivava all’altezza delle caviglie ed era color verde pallido. Qui trovò ad attenderlo un piccolo Iszico che lo salutò molto cerimoniosamente. Aveva le strisce rosa e bianche dei servi di casa. Con gesti abili spogliò Farr, che s’immerse nel bagno di nettare. Il servo bussò alla parete e da mille invisibili orifizi si riversò su Farr una pioggerella fresca e profumata. Raccolse poi una coppa di nettare e lo versò sulla testa di Farr, che si coprì subito di fresca e densa schiuma. Quando la schiuma si dissolse, Farr sentì la pelle liscia e rinvigorita. Il servo gli si avvicinò con un bacile pieno di una pasta incolore che spalmò sulle guance di Farr, e la barba scomparve.

Читать дальше

Шрифт:

Интервал:

Закладка:

Сделать

Похожие книги на «Le case di Iszm»

Представляем Вашему вниманию похожие книги на «Le case di Iszm» списком для выбора. Мы отобрали схожую по названию и смыслу литературу в надежде предоставить читателям больше вариантов отыскать новые, интересные, ещё не прочитанные произведения.


Jack Vance: Lyonesse
Lyonesse
Jack Vance
Jack Vance: The Asutra
The Asutra
Jack Vance
Jack Vance: L'ultimo castello
L'ultimo castello
Jack Vance
Отзывы о книге «Le case di Iszm»

Обсуждение, отзывы о книге «Le case di Iszm» и просто собственные мнения читателей. Оставьте ваши комментарии, напишите, что Вы думаете о произведении, его смысле или главных героях. Укажите что конкретно понравилось, а что нет, и почему Вы так считаете.