Jack Vance: Le case di Iszm

Здесь есть возможность читать онлайн «Jack Vance: Le case di Iszm» весь текст электронной книги совершенно бесплатно (целиком полную версию). В некоторых случаях присутствует краткое содержание. Город: Milano, год выпуска: 1965, категория: Фантастика и фэнтези / на итальянском языке. Описание произведения, (предисловие) а так же отзывы посетителей доступны на портале. Библиотека «Либ Кат» — LibCat.ru создана для любителей полистать хорошую книжку и предлагает широкий выбор жанров:

любовные романы фантастика и фэнтези приключения детективы и триллеры эротика документальные научные юмористические анекдоты о бизнесе проза детские сказки о религиии новинки православные старинные про компьютеры программирование на английском домоводство поэзия

Выбрав категорию по душе Вы сможете найти действительно стоящие книги и насладиться погружением в мир воображения, прочувствовать переживания героев или узнать для себя что-то новое, совершить внутреннее открытие. Подробная информация для ознакомления по текущему запросу представлена ниже:

Jack Vance Le case di Iszm
  • Название:
    Le case di Iszm
  • Автор:
  • Издательство:
    Mondadori
  • Жанр:
    Фантастика и фэнтези / на итальянском языке
  • Год:
    1965
  • Город:
    Milano
  • Язык:
    Итальянский
  • Рейтинг книги:
    3 / 5
  • Ваша оценка:
    • 60
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
  • Избранное:
    Добавить книгу в закладки

Le case di Iszm: краткое содержание, описание и аннотация

Предлагаем к чтению аннотацию, описание, краткое содержание или предисловие (зависит от того, что написал сам автор книги «Le case di Iszm»). Если вы не нашли необходимую информацию о книге — напишите в комментариях, мы постараемся отыскать её.

Che cosa darebbero gli architetti, gli urbanisti, i pianificatori, gli uomini politici per avere una delle case che si seminano, che nascono e crescono come una pianta qualsiasi? E chi avesse in esclusione i semi di una simile pianta, quale gigantesca speculazione edilizia potrebbe organizzare? Su questo tema così attuale per noi, Jack Vance ha costruito un piacevole e movimentato romanzo, in cui le straordinarie case di Iszm sono oggetto di una guerra segreta fra i desperados di mezza galassia.

Jack Vance: другие книги автора


Кто написал Le case di Iszm? Узнайте фамилию, как зовут автора книги и список всех его произведений по сериям.

Le case di Iszm — читать онлайн бесплатно полную книгу (весь текст) целиком

Ниже представлен текст книги, разбитый по страницам. Система автоматического сохранения места последней прочитанной страницы, позволяет с удобством читать онлайн бесплатно книгу «Le case di Iszm», без необходимости каждый раз заново искать на чём Вы остановились. Не бойтесь закрыть страницу, как только Вы зайдёте на неё снова — увидите то же место, на котором закончили чтение.

2

La Lhaiz era un due alberi che aveva la forma di uno zoccolo olandese, con vele color porpora e una cabina spaziosa Si era sviluppato da uno speciale albero-barca, ed era composta di un unico pezzo: l’albero maestro era stato, in origine, il picciolo del baccello. L’albero di trinchetto, il pennoncino, il boma e il sartiame erano stati aggiunti in un secondo tempo, operazioni fastidiose per un abitante di Iszm quanto il moto meccanico per un ingegnere elettronico della Terra. L’equipaggio fece vela verso ovest. All’orizzonte si vedevano atolli, che scomparvero poi a poppa. Alcuni erano minuscoli giardini deserti, altri erano adibiti alle seminagioni, alle colture, alle riproduzioni per innesto, ai trapianti, alle selezioni, all’imballaggio e alla spedizione delle case.

Nella sua qualità di botanico, Farr s’interessava soprattutto alle piantagioni, ma proprio lì la sorveglianza era talmente ossessionante che non poteva praticamente muoversi.

Giunto all’atollo di Tjiere, Farr era così furibondo ed esasperato che decise di sfuggire ai guardiani. La Lhaiz s’era avvicinata al molo, e due uomini dell’equipaggio avevano gettato le cime a terra, mentre altri ammainavano le vele. Aile Farr balzò agevolmente a terra dal ponte di poppa, incamminandosi verso la spiaggia. Sentendo alle sue spalle un mormorio di disapprovazione, provò in cuor suo una gioia maligna.

La spiaggia si stendeva ampia, battuta dai marosi, e gli scogli di basalto erano chiazzati di vegetazione verde, azzurra e nera. Uno spettacolo veramente pieno di pace e di bellezza. Farr dovette dominarsi per non saltare dal molo sulla spiaggia e sparire sotto il denso fogliame. Gli Szecr erano molto compiti, ma avevano il grilletto facile.

In quella si fece avanti sulla banchina un uomo alto e robusto, che aveva il corpo completamente avvolto in grosse strisce azzurre fra le quali si vedeva la scialba pelle degli Iszici. Farr rallentò il passo: la libertà era finita.

L’Iszico sollevò un occhialetto a lente unica inserito sulla sommità di una canna d’ebano, distintivo degli Iszici di casta superiore. Essi non mancavano mai di portarlo quasi facesse parte di loro stessi, e la sua vista irritava regolarmente Farr. Come gli altri stranieri, come gli altri Iszici stessi, non aveva scelta né possibilità di difesa o di riparo. La sostanza irradiante che gli avevano iniettato nella spalla era come un’etichetta, e ormai era catalogato.

— Con vostro piacere, Farr Sainh? — L’Iszico si esprimeva nel dialetto parlato dai bambini prima che imparassero la lingua di casta.

Rassegnato, Farr diede la risposta del caso: — Attendo il vostro volere.

— Il sovrintendente al porto è stato inviato per esprimervi il dovuto omaggio. Siete forse impaziente?

— Il mio arrivo è un avvenimento trascurabile, vi prego di non disturbarvi.

L’Iszico sollevò l’occhialetto. — È un privilegio salutare un collega scienziato.

Con un tetro sorriso, Farr replicò: — Quel coso vi dice anche che mestiere faccio?

L’Iszico esaminò la spalla destra di Farr. — Vedo che avete la fedina penale pulita; quoziente d’intelligenza 23, livello di perseveranza, classe 4…

— A chi ho l’onore di parlare?

— Mi chiamo Zhde Patasz, e sono tanto fortunato di fare il coltivatore nell’atollo di Tjiere.

— Siete un piantatore? — domandò Farr osservando con maggior interesse l’uomo a strisce.

Zhde fece roteare l’occhialetto. — Avremo molto da discutere… Spero che sarete mio ospite.

Il sovrintendente al porto arrivò ansante. Zhde Patasz sollevò l’occhialetto e si allontanò in fretta.

— Farr Sainh — disse il sovrintendente. — La vostra modestia vi ha indotto ad allontanarvi dalla vostra scorta ufficiale. Questo ci rattrista profondamente.

— State esagerando.

— Non è possibile. Da questa parte, Sainh.

Scese lungo la banchina di cemento verso un ampio canalone, e Farr lo seguì con tal voluta lentezza che l’altro fu costretto, a più riprese, a fermarsi per aspettarlo. Il canalone portava ai piedi della scogliera, e qui si trasformava in passaggio sotterraneo. Il sovrintendente aprì quattro porte di vetro che si richiusero poi alle loro spalle, e Farr ebbe la percezione che scandagli, detector, sonde e analizzatori lo stessero vagliando per provare le sue radiazioni, la sua massa e il suo contenuto metallico.

Non se ne preoccupò, perché sapeva che non avrebbero scoperto niente. Indossava l’uniforme che gli avevano dato dopo essersi presi i suoi effetti personali, e non aveva altro con sé.

Il sovrintendente bussò a una porta di ruvido metallo, che si schiuse al centro come una saracinesca medievale. Da lì, passarono in una stanza luminosa dove, dietro un bancone, sedeva uno Szecr che portava le solite mostrine gialle e verdi.

— Con la compiacenza del Sainh… l’immagine tridimensionale per i nostri archivi.

Farr salì pazientemente sul disco di metallo grigio.

— Palmi in fuori, occhi aperti.

Farr stava immobile mentre pannelli sensibili lo sfioravano lungo tutto il corpo.

— Grazie, Sainh. — Farr si avvicinò al banco. — Questa è diversa da quella di Jhespiano. Vediamo un po’

L’incaricato mostrò a Farr un foglio trasparente al cui centro era l’immagine di un uomo che pareva una macchia marrone. — Non mi assomiglia molto — commentò Farr.

Lo Szecr fece scivolare il foglio in una fessura, e sul banco comparve subito una riproduzione tridimensionale di Farr che si sarebbe potuta ingrandire centinaia di volte, in modo da rilevarne le impronte digitali, da individuare i pori della pelle e la configurazione della retina.

— Mi piacerebbe averne una copia per ricordo — disse Farr. — Qui almeno sono vestito, mentre in quella di Jhespiano mostravo le mie bellezze al naturale.

— Prendetela pure — fece l’Iszico alzando le spalle.

Farr si mise la copia in tasca.

— E ora, Farr Sainh, posso rivolgervi una domanda che forse giudicherete impertinente?

— Una più una meno, non ci farò caso.

Farr sapeva che c’era un cefaloscopio puntato sul suo cranio, e che ogni impulso di eccitazione, ogni brivido di paura sarebbero stati immediatamente registrati. Per mantenersi assolutamente calmo, decise di pensare a una stanza da bagno.

— Avete intenzione di rubare qualche casa, Farr Sainh?

“Liscia porcellana fredda, sensazione di aria e acqua tiepida, profumo di sapone.”

— No.

— Sapete se esistano progetti tendenti a tale scopo?

“Sdraiati nell’acqua calda, rilassati.”

— No.

Lo Szecr si mordicchiò un labbro, facendo una smorfia di cortese scetticismo. — Sapete quali punizioni toccano ai ladri?

— Oh, certo! Vengono internati in manicomio.

— Grazie, Farr Sainh, potete andare.

3

Il sovrintendente al porto affidò Farr a due Szecr di basso rango con mostrine gialle e oro.

— Da questa parte, per favore.

Salirono una rampa e si fermarono sotto un’arcata che aveva la parete di vetro.

Farr si fermò per osservare la piantagione, mentre le guide si mostravano impazienti di andare avanti.

— Se Farr Sainh vuole…

— Un momento — rimbeccò Farr irritato. — Non c’è fretta.

Alla sua destra si estendeva la città, un’intricata foresta di svariate forme e colori. Nello sfondo crescevano le modeste case operaie a tre baccelli appena visibili dietro il magnifico sfoggio delle case dei piantatori, degli Szecr, dei coltivatori e degli sradicatori che si stendevano lungo la laguna. Tutte queste case erano diverse una dall’altra, allevate e foggiate secondo tecniche segrete che gli Iszici non rivelavano nemmeno ai loro compatrioti.

Читать дальше

Похожие книги на «Le case di Iszm»

Представляем Вашему вниманию похожие книги на «Le case di Iszm» списком для выбора. Мы отобрали схожую по названию и смыслу литературу в надежде предоставить читателям больше вариантов отыскать новые, интересные, ещё не прочитанные произведения.


Jack Vance: Lyonesse
Lyonesse
Jack Vance
Jack Vance: The Asutra
The Asutra
Jack Vance
Jack Vance: L'ultimo castello
L'ultimo castello
Jack Vance
Отзывы о книге «Le case di Iszm»

Обсуждение, отзывы о книге «Le case di Iszm» и просто собственные мнения читателей. Оставьте ваши комментарии, напишите, что Вы думаете о произведении, его смысле или главных героях. Укажите что конкретно понравилось, а что нет, и почему Вы так считаете.